Nel 1999 abbiamo presentato il progetto della S.I.F.A. alle autorità competenti in materia CHE HANNO aderito con entusiasmo all’iniziativa e hanno concesso il LORO patrocinio (Università di Parma, Perugia, dal Comune di Siena, S.I.D.I. Società Italiana d’ippologia, S.I.V.E. Società Italiana Veterinari Equini, Associazioni di Categoria dei Fisioterapisti e dall’Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Siena, la Comunità di San Patrignano. Nel tempo, ci siamo resi conto che tale iniziativa ha destato molto interesse tra i cosiddetti uomini e donne di “ cavalli”, senza alcun titolo ma con tanto cuore e tanta esperienza sul campo: a tutti questi abbiamo dovuto dire NO…

Per coerenza abbiamo detto NO a tutti coloro, (e sono tanti), che non hanno i titoli:

  • NO perché chi non ha alle spalle la Laurea in Medicina Veterinaria o il diploma universitario o la Laurea in Fisioterapia NON PUO’ ESERCITARE NE’ LA PRATICA MEDICA NE’ QUELLA FISIOTERAPICA

  • NO perché in una società dove stentano a trovare una giusta collocazione gli stessi laureati del settore non è corretto introdurre nuove professionalità

  • NO per la tutela dell’animale e del proprietario

La Scuola Italiana di Fisioterapia Animale (S.I.F.A.)
Gli aspetti NORMATIVI

La S.I.F.A. si colloca nel panorama formativo italiano, come un’attività di formazione permanente specializzante e/o di perfezionamento, NON come una formazione di Base, né come una vera e propria Specializzazione del settore Veterinario ( Sanità Pubblica, ecc.)
La formazione di base e post –base, ha luogo nelle Università e solo in quel contesto, con il supporto del Servizio Sanitario Nazionale e Regionale può esistere e formare compiutamente le professionalità relative ai Profili Professionali emanati dal Ministero della Sanità ( D.L. 502 e succ. modificazioni, art. 6). Tra questi profili, la normativa di recente emanazione ( D.M. 741/94 – D.L. 42/99 - D.L. 251/00 – D.I. 2 aprile 2001 n° 136 colloca il Fisioterapista.
Il FISIOTERAPISTA ha sviluppato nel tempo A LIVELLO INTERNAZIONALE, conoscenze e competenze nel settore di sua propria e specifica titolarità, fondando gruppi scientifici di studio, detti anche di interesse specifico, tra i quali rientra anche la Fisioterapia veterinaria (o animale), sia per i piccoli animali che per il cavallo e in particolare:
  • in Inghilterra la Chartered Society of Physiotherapy ha costituito un gruppo di interesse specifico che conta oltre 200 aderenti, di Fisioterapia Animale, la cui responsabile è la Ft. Mrs. Janet Ellis. Tale gruppo associato ha stretto un vero e proprio “accordo” con il Royal College of Veterinary Surgeons, già dal 1966. Tutti i Fisioterapisti si devono conformare alle linee guida dettate dal collegio.

  • In Olanda, ad Amsterdam, all’interno della Facoltà di Medicina - dipartimento di Fisioterapia, si svolgono corsi “estivi” e quindi facoltativi, di Fisioterapia Veterinaria il cui contenuto è stato concordato con la Facoltà di medicina Veterinaria di Utrecht.

  • In America il vice presidente il Ft. David Levine dell’American Physical Therapy Association, (A.P.T.A. ovvero gli autori dell’importante rivista indicizzata ”Physical Therapy “), è il promotore di un’intensa attività sia formativa che scientifica, nel settore dei piccoli animali , con una produzione scientifica notevole, vedi il sito:

  • in Francia, il Ft. J. C. Coutant con altri due Ft , Docenti anch’essi di Fisioterapia nelle Facoltà di medicina Veterinaria, e alcuni Veterinari ha fondato ben prima di noi l’Istituto Francese di Kinesiterapia Animale, collaborando sia con le università, che con soggetti privati e dell’industria e anche con I Dioscuri.

  • In Spagna è stata recentemente promossa un’iniziativa analoga.

E’ ovvio e scontato che in questo settore il Fisioterapista NON può e NON deve occupare il terreno del Medico Veterinario, ma si pone come un collaboratore valido e prezioso, tenuto conto che oggi ha raggiunto un elevato standard formativo a livello di Laurea.
Per chiarire ulteriormente queste problematiche, è stata inserita nell’ambito della S.I.F.V. la partecipazione e l’intervento preordinato di qualificati rappresentanti del mondo professionale, che illustrano ai discenti i contenuti delle suddette leggi, i limiti delle attività e delle competenze proprie di questa figura.
E’ superfluo sottolineare che oggi siamo di fronte ad uno sviluppo culturale, formativo e scientifico in continua evoluzione, e una sola figura non è in grado di far fronte a tutte le necessità che gli aspetti di prevenzione, cura e riabilitazione implicano per la salute del paziente, sia esso umano che animale : questo vale per tutte le professioni in oggetto…un tempo, nel settore medico, le specializzazioni erano limitate, come nel settore riabilitativo, a una sola figura che si occupava sia degli aspetti motori che di quelli cognitivi, mentre oggi sono state individuate , da quella originaria (terapista della riabilitazione e del linguaggio) ben 5 figure professionali con specifico profilo.
Tale processo culturale deve andare nelle due direzioni, anche se, come è ovvio, per carattere legislativo e normativo, il Medico Veterinario, a conclusione della nostra formazione sarà in grado egli stesso di praticare manovre “fisioterapiche”, la qual cosa rappresenta un valore aggiunto alla sua professione e non una sottrazione di competenze !
La Scuola Italiana di Fisioterapia Animale - La ricerca
Recentemente abbiamo cominciato a lavorare nel settore della ricerca, e la nostra presenza, con POSTER SCIENTIFICI nel 2002 alle importanti riunioni congressuali di settembre all’Università di Bristol in Inghilterra e a quella di ottobre al CESMAS di Saumur in Francia e nel 2004 a Oslo in Norvegia ne sono una concreta dimostrazione.
Inoltre alcuni membri del Comitato Scientifico sono sempre presenti ai Congressi Internazionali di Fisioterapia "RVC Annual Veterinary Physiotherapy Conference" che si svolgono annualmente dal 2003 nel mese di settembre a Londra, per un costante confronto con i colleghi degli altri Paesi.
Il Responsabile Scientifico della sezione Veterinaria: Dr. Gianluigi Giovagnoli

Search